Alieni nel condominio – Attack the block

Qualche tempo durante l’incontro con la stampa per la presentazione di Homeland, ero rimasto abbastanza sorpreso da alcuni commenti dei due attori protagonisti della serie. Entrambi inglesi emigrati negli USA spiegavano come l’Inghilterra non fosse in grado di produrre storie “vendibili” all’estero, ma si limitasse a girare film troppo locali.

Ma è proprio da un film “locale” (talmente locale da essere interamente ambientato in un condominio del Sud di Londra) che ho avuto la conferma che i due si stavano sbagliando. Questo è “Attack the block” probabilmente il miglior action film uscito nel 2011.

D’accordo forse ho alimentato troppe aspettative, quindi adesso abbasso un po’ il tono raccontandovi la sinossi.

Un gruppo di ragazzi assiste per caso alla caduta di un oggetto non identificato. E’ un alieno dalle piccole dimensioni. I ragazzi, non proprio dei bravi ragazzi, si lanciano al suo inseguimento e lo finiscono a suon di bastonate. Orgogliosi del loro trofeo, chiedono allo spacciatore di zona se possono nasconderlo nel suo appartamento per un po’. Siamo a capodanno e la città è invasa da fuochi di artificio di ogni sorta. Ma alcune di quelle luci non sembrano causate dai fuochi. L’invasione ha avuto inizio. Gli unici a rendersene conto sono la piccola gang di ragazzi che con l’entusiasmo e l’incoscienza tipico degli adolescenti si lancia alla caccia dell’invasore. Dopo poco si rendono conto che la cosa migliore da fare e rinchiudersi nel “block” e da li provare a difendersi. La battaglia ha inizio.

Il film vede alla regia l’esordiente Joe Cornish, meglio conosciuto per essere stato presentatore e autore del programma in onda su BBC6 The Adam and Joe Show, in coppia con il suo amico Adam Buxton.

Le sue prime esperienze dietro la macchina da presa consistono in alcuni backstage, prima nella stagione 2 di Little Britains e poi nei due film (Shaun of the Dead, Hot Fuzz) del suo amico e collaboratore Edgar Wright (produttore esecutivo di Attack the block).

Nel 2006 viene chiamato a fare la regia della pilota di Modern Toss, ma per alcune divergenze con la produzione viene cacciato.

Joe non si da per vinto e dopo aver diretto il videoclip del singolo di Charlotte Hatherley “I want you to know” nel 2011 arriva finalmente a dirigere il suo primo feature film, Attack the block.

La pellicola è un successo di pubblico e critica. Malgrado la distribuzione limitata (il film è prodotto in collaborazione con Channel4 e Canalplus) riesce a incassare più di un milione di sterline in UK e altrettanto negli USA. In america viene però osteggiato dai distributori per paura che il pubblico non possa comprendere lo slang londinese. In un Q&A durante la presentazione in USA Joe Cornish ha chiesto espressamente al pubblico se fosse riuscito a capire tutto. La risposta è stato un coro di “YES”.

Come già ci aveva abituato Edgar Wright, in Attack the Block fioccano le citazioni dei film di genere, caratterizzate dall’inconfondibile umorismo nero inglese. Ai dolci ragazzini di Spielberg (o del più recente Super 8 targato J.J. Abrams) si contrappone la gioventù dei sobborghi londinesi che quando trova un alieno caduto sulla terra, pensa che la cosa migliore da fare sia inseguirlo e finirlo a bastonate (ET è stato fortunato a non atterrare nella zona di Elephant and Castle).

Il film dimostra come la new wave inglese (che ha il suo apripista in Edgar Wright, e in televisione con Tom Green e il suo Misfits) è più viva che mai. A differenza degli Stati Uniti, questo tipo di pellicole prova come i soldi non sono un fattore determinante, anche se ci troviamo davanti a un action movie. Attack the blocks ha tutto quello che serve, un ottimo cast, una direzione impeccabile (alcuni hanno paragonato l’esordio di Cornish a quello di Neil Blomkamp per District 9 e addirittura al più blasonato Quentin Tarantino) degli effetti speciali all’altezza della situazione e dei dialoghi taglienti e mai banali.

La storia è il centro del film, una storia “locale” dal respiro globale. Perchè quando ci si trova davanti a un’invasione aliena non importa chi siamo e da dove veniamo, importa solo salvare la propria pelle.

Se vi chiedete dove sia il film. Tranquilli. In Italia non è uscito. L’unico “avvistamento” è stato durante l’ultimo Festival di Torino. Nessuna data per una release in DVD.

[UPDATE] Il film è arrivata finalmente anche da noi, dopo una breve apparizione al future film festival.

 

La morte dell’originalità – Ci salveranno gli scienziati?

Premessa

Sono sempre stato ossessionato dall’originalità. L’idea di dover per forza scrivere qualcosa di mai visto prima. Per un periodo della mia vita è stato un chiodo fisso. Poi durante la stesura della mia tesi di laurea ho avuto un’illuminazione. Soggetto della tesi i Fratelli Marx. Per cercare ispirazione e tranquillità spesso mi nascondevo in biblioteca a leggere. Sono un lettore a targhe alterne. Ci sono momenti in cui divoro libri in pochi mesi e altri in cui non riesco neanche a guardare una copertina senza sentire un senso di ribrezzo. In quel caso stavo leggendo un libro raccolto a caso nella biblioteca. Quando devi fare una cosa tutte le altre diventano improvvisamente interessanti. Dovrebbero utilizzare questa tecnica anche a scuola. “Allora ragazzi per domani mi raccomando NON leggete da pagina 33 a pagina 42. Mi raccomando.” Potrebbe non funzionare. A 15 anni quando non c’erano compiti non mi pareva vero. Il libro in questione era “La camera chiara” di R. Barthes. Un libro sulla fotografia. Barthes era solo appassionato di fotografia e ci si rapportava da un punto di vista semiotico. Malgrado le sue mancanze tecniche è riuscito a descrivere lo spirito della fotografia come nessun altro. Finii il libro tutto d’un fiato. Uscito dalla biblioteca andai in libreria e ne comprai una copia. Non potevo non averlo. Non sapevo spiegarmelo ma quel libro aveva cambiato qualcosa nella mia coscienza. Aveva immesso un virus in circolo. Non riuscivo a vederlo ma mi sentivo diverso. I giorni passarono. La tesi andava avanti. Io continuavo a scrivere. Uscito da un colloquio con il mio relatore mi fermai un secondo nel cortile interno dell’allora sede del DAMS. Conoscevo bene quel posto. Eppure lo stavo guardando come se fosse la prima volta. C’era qualcosa che me lo rendeva diverso. Presi la mia moleskine e appuntai questa frase “Per disegnare un foglio bianco bisogna per forza tracciarne i contorni”. Riguardai quello che avevo scritto. Mi sembrava la cosa più banale che avessi mai scritto, per di più l’avevo messa in bella mostra sul primo foglio del taccuino. “Bravo Giacomo, ora tutti penseranno che sei un deficiente”. Quella scritta è rimasta li a fermentare. Per un po’ l’ho dimenticata. Aveva però alterato il mio spirito. Era parte del cambiamento che “La camera chiara” aveva cominciato. Scrivere qualcosa di originale è praticamente impossibile. Quel fuoco che si ha dentro, quando si comincia a scrivere o produrre il proprio materiale, quella ricerca spasmodica dell’inedito del mai sentito è una battaglia persa. Non è possibile. La frustrazione è il primo sentimento con cui scontrarsi. Segue la depressione. Creare qualcosa di originale è una missione impossibile. La camera chiara mi ha preso in quel momento e attraverso la metafora della fotografia mi ha fatto crescere. Uscire dalla stupida convinzione che “originale” corrispondeva a “mai visto”. Ora lo so. La fotografia è stata per me il mio mentore. Quando si fotografa qualcosa si sta riproducendo il reale. Esiste già non ha bisogno di essere fotografato. Eppure ci sono alcune foto che sono diventate opere d’arte. Il punto di vista di chi fotografa fa la differenza. Il tempo di esposizione. L’inquadratura. La velocità di scatto. L’obbiettivo utilizzato. Trovare il corrispettivo di questi elementi nel proprio campo creativo è il lavoro che bisogna fare per trovare la propria stella polare e da li, cominciare a creare davvero.

Fine premessa

A metà ottobre qualcuno scrisse su twitter “Oggi volevo andare al cinema, ho aperto la pagina della programmazione di sala e per un attimo mi sono sentito negli anni 80”. Era il 14 ottobre e per uno strano gioco del destino due film degli anni ’80 tornavano in sala lo stesso giorno, si tratta di “The Thing” e “Footloose”.

Oggi, dopo aver comprato un paio di pantaloni a soli 8 pound da Primark (gli altri che avevo sono tutt’ora zuppi di sapone e acqua…poi vi spiego), e vista la pioggia battente fuori dalle vetrate del South Shopping center, mi sono imbucato al cinema. Compro un biglietto per The Thing. Ero un fan del film di Carpenter (1982) a sua volta remake dell’originale del 1951 The thing from another world.

La pellicola regia di Matthijs van Heijningen jr. (il padre è un produttore) è tecnicamente un prequel del film di Carpenter. I fatti raccontati sono quelli che riguardano la prima spedizione norvegese in Antartide che poi verrà scoperta da Kurt Russel e compagni nella versione del 1982. Il film ripercorre passo passo il suo predecessore. E’ uno strano prequel. Alcuni elementi ci raccontano qualcosa in più su “la cosa” ma nel resto del tempo sembra una sceneggiatura ricopiata male. Stesse dinamiche, stessi personaggi (alcuni traslati), addirittura una strana somiglianza tra il personaggio spaccone di questa versione e quello interpretato da Kurt Russell. Alla fine del film (niente spoiler vi sto per raccontare la prima scena della versione 1982) il regista ci ripropone la stessa scena d’apertura già vista in Carpenter di fatto rendendo possibile un’ipotetica visione consecutiva con il suo sequel del 1982 (scusate ma il paradosso temporale crea confusione)

Per quanto riguarda la realizzazione tecnica, il film è uno splatter moderato. Carpenter senza CGI era drammaticamente più “gore”. Malgrado Van Heijninger jr. cerchi di non abusare della computer grafica e in molte scene utilizzi Props in carne e ossa (prese dal macellaio) il risultato è comunque scadente. I colpi di scena sono tutti al posto giusto e per questo scontati dall’inizio alla fine. La colonna sonora (realizzata da Marco Beltrami) non è neanche lontanamente paragonabile a quella del 1982 del maestro Ennio Morricone (ascolta). Lo stesso concetto di sound design è completamente stravolto. Il minimalismo della versione 1982 che rifletteva un senso d’ansia imperante lungo l’intera pellicola è solo a tratti riprodotto nel remake 2011. Esco dal cinema poco convinto. Non sono un fan dei remake (anche se questo è stato “travestito” da prequel) ma non riesco a resistere al fascino di riscoprire una vecchia passione. So che ne sarò deluso, ma non posso evitarlo (e qui i Freudiani potranno sparare le loro teorie).

Malgrado la mia delusione il mercato sembra andare in tutt’altra direzione. Non devo essere un audience di riferimento per Hollywood. Gli anni ’80 sono ovunque. Non solo nei titoli che ripetono il passato, ma anche nei generi che cercano di riprendere ciò che aveva funzionato. JJ.Abrams produce un ET dei nostri tempi con Super8. Todd Philips con il successo di “Una notte da Leoni” e “Parto con il folle” cerca di riportare in auge un certo tipo di commedia anni ’80: la coppia Galfianakis /Downey.Jr ricorda molto quella Steve Martin/John Candy in “Un biglietto per due”. Infine l’imminente “The Sitter”, con la star demenziale Jonah Hill (che nel frattempo ha lasciato il suo lato comico, e molti dei suoi chili, per interpretare la sua prima parte drammatica in Moneyball al fianco di Brad Pitt) sembra un remake velato di A Night On The Town (In Italia “Tutto quella notte” da non confondere con “Tutto in una notte” regia di John Landis) regia Chris Columbus più conosciuto per film come Mamma ho perso l’aereo!

D’accordo, ma se l’investimento vale la spesa niente da dire. A quanto pare non è così. Nessun remake prodotto in questi anni ha mai superato l’incasso dell’originale. Tra i peggiori “Conan il barbaro” (-71millioni di dollari), Halloween (-99m$) Omen (-181m$), per finire con il disastro Arthur (-205m$) (fonte CNBC.com). Calcolando il livello di inflazion, anche buoni risultati al botteghino si traducono in veri e propri flop. Hollywood ha quindi capito l’antifona? Neanche per sogno! Scorrendo la lista di possibili remake in programma nella prossima stagione cinematografica la cosa diventa ancora più seria: Point Break, Robocop, Total Recall, Il corvo, addirittura Corto circuito con l’indimenticabile numero 5 sarà lucidato e rimesso a nuovo per un terzo capitolo (scritto da Dan Milano autore di Robot Chicken) 15 anni dopo la sua ultima apparizione.

Che Hollywood abbia perso la sua ispirazione? Che tutte le storie siano già state raccontate? Siamo destinati a un futuro di soli sequel di sequel come immaginava una memorabile scena di Balle Spaziali?

La situazione è così preoccupante che all’MIT (il famoso centro di ricerca di Boston) l’argomento è diventato materia di studio. E’ stato infatti da poco aperto Il centro “For future story telling”. Un centro in cui sarà possibile sviluppare nuovi modi di raccontare storie. Un nuovo approccio alla narrazione che cerca di assecondare i cambiamenti (sociali ma anche tecnologici) all’interno della nostra società. Le storie diventano così più interattive e il pubblico diventa parte integrante del processo narrativo. Ci salveranno gli scienziati?

http://www.media.mit.edu/research/center-future-storytelling

 

Cinema fatto in casa – Raiders of The Lost Ark Adaptation


Dopo la visione di Super 8 mi sono detto: “E adesso?” Voglio dire “E adesso cosa scrivo? Una recensione? No. Una riflessione? No. Un analisi filmica scena per scena di tutti i riferimenti ai film della Ambling production. Ma che sei impazzito? E poi qualcuno lo avrà già fatto. Ho capito, ma è palese il riferimento, voglio dire, ok non è un remake, ma per il numero di elementi presenti, possiamo tranquillamente dire che si tratti di una sorta di “adattamento”. Non di un film, ma di un intero filone. Quindi? Quindi credo scriverò qualcosa riguardo a “Raiders of the lost ark: adaptation”. Ok. Fai come ti pare, io ho smesso di seguirti.

Raiders of the lost ark: adaptation.

Quando per la prima volta ho visto Indiana Jones ho pensato: “Da grande voglio fare l’archeologo!”. Ho per questo fatto il Dams che a giudicare dalla considerazione che ha nel mondo del lavoro è stato più o meno lo stesso. Due ragazzi americani, hanno avuto un’altra idea. Finita la proiezione si sono guardati negli occhi e si son detti “Dobbiamo rifarlo”. E per rifarlo intendevano “Rigirarlo”. Scena per scena. Un’operazione filologica mastodontica, se pensiamo che i due avevano poco più di 11 anni e una videocamera Betamax (che di li a poco si sarebbe miseramente estinto come formato). Gus Van Sant ha rigirato Psycho di A.Hitchock aggiungendo come unico cambiamento il colore della pellicola e qualche taglio in più nella famosa scena della doccia. Ma lui aveva soldi e attori del calibro di Viggo Mortensen. I tre ragazzini, per la precisione Chris Strompolos, Eric Zala and Jayson Lamb, avevano dalla loro solo un grande entusiasmo e una memoria di ferro. L’idea di girare l’adattamento venne ai tre nel 1982, un anno dopo l’uscita del film Raiders of the lost ark. All’epoca l’homevideo non era rapido come ai nostri tempi e i tre potevano vedere il film solo al cinema. Dopo una scorpacciata di immagini, Eric Zala, che da grande voleva fare il fumettista, si mise a disegnare ogni singola scena del film e dopo poco aveva pronto uno story board di quasi 600 inquadrature. Quello sarebbe stato la loro mappa per produrre il film. Per girare il loro capolavoro ci sono voluti quattordici lunghi anni. Si avete capito bene. Quattordici anni. Avendo a disposizione solo le pause estive la troupe veniva sciolta alla fine di agosto per essere ricomposta l’anno dopo. Questo ha causato non pochi problemi. In primis il fattore “adolescenza”. Il film non è stato girato cronologicamente e questo fa si che in molte scene si noti chiaramente il cambio di voce dell’attore (sapete quando nella tempesta ormonale i dodicenni alternano voci bianche a cavernicoli rutti?) o la presenza di una barba posticcia.
Il resto è storia: la prima presso l’Alamo Drafthouse Cinema di Austin, correva l’anno 2003, era piena fino all’ultimo posto. Si racconta che a scoprire la pellicola fu Eli Roth e che Spielberg finita la visione del film non abbia potuto trattenere uno sconsiderato entusiasmo. Stando a Wikipedia, Scott Rudin e la Paramaount pictures avrebbero acquistato i diritti sulla storia dei ragazzi per realizzarne un film.
Se siete curiosi (e spigliati con google) il film si trova abbastanza facilmente, intanto qui sotto potete dare un’occhiata ai primi 10 minuti. Buona visione.