L’Italia, un paese digitalmente isolato.

Ok. Guardiamo in faccia alla realtà. La fruizione dei contenuti (tv, musica, film, informazione) sta cambiando radicalmente. Più mi guardo intorno e più mi chiedo perchè diavolo da noi non esista ancora un servizio (come Cristo comanda, non palliativi) come HULU, Netflix, Pandora (Spotify è per fortuna appena arrivato in Italia, anche se c’è qualcosa che non torna nel prezzario). Voglio dire è ridicolo! In un mondo iperconnesso dove posso sapere tutto di tutti non ha senso fingere che non averli sia normale. I modi per raggirare questo sistema di esclusione digitale ci sono (non solo tunneling, anche sistemi come HOLA sono una manna dal cielo), quindi ribadisco: perchè far finta di nulla? Smettiamola. Diciamo addio aal nostro vecchio televisore, buttiamo i cd (ditemi dove che vengo), facciamola finita con il palinsesto! E’ vero, esiste l’on demand di Sky, che funziona molto bene (SKY GO) e c’è anche quello di Mediaset (che non ho provato). Ma sembrano entrambi degli esempi di retrofuturo. Un vorrei ma non posso (perchè non posso abbonarmi solo a Sky Go?). La cosa assurda è che nella rete (che non è un comune in provincia di Internet) si possono trovare tanti piccoli esempi di quel futuro che si vede altrove. C’è un solo problema: nella maggior parte dei casi non utilizzano metodi legali. Per quale motivo oscuro riesco ad avere un servizio migliore da parte di un sistema illegale e non da uno pienamente legale? Perchè non posso guardare documentari? (un mercato morto in Italia, ma non su NETFLIX UK dove la scelta è molto ampia) Perchè non posso rivedere le vecchie serie in qualsiasi momento (HULU) ma posso tranquillamente scaricarle con una semplice ricerca su google? Perchè devo aspettare mesi (anche se Sky ha tentato la via dei sottotitoli) per guardare le mie serie tv preferite? Non sono favorevole alla pirateria. Non è quello che sto dicendo. Sto solo riflettendo sul fatto che trovo ridicolo farsi fregare dalla pirateria in questo periodo storico e con la tecnologia che abbiamo. (per farvi un idea un abbonamento a Netflix in Uk costa 5,99 pound al mese, in linea con quanto poteva costare un abbonamento a megavideo e meno della metà di quanto si spende per un pay-tv).

E’ troppo chiedere una globalizzazione della fruizione dei contenuti? Perchè sono costretto a diventare un immigrato clandestino digitale?

Giacomo, hai scritto un intero post solo perchè vuoi avere Netflix, Lovefilm, Hulu e Pandora? Si. Magari funziona.

 

Giacomo Cannelli

 

2 thoughts on “L’Italia, un paese digitalmente isolato.

  1. Alcune risposte, poi però non prenderci troppo gusto (ho commentato più tra ieri sera e oggi che nell’ultimo mese e più, ssolo su tue cose poi).

    Perché Sky ha margini più alti dall’abbonamento pay tv a pacchetto che non dalla app, che diventa solo un amo in più, non un prodotto a sé, non ora almeno.

    Perché hai ragione e la VP della CE Neelie Kroes dice le stesse tue cose – sentita novembre 2011 con le mie orecchie – ovvero che gli editori e le major devono favorire i servizi legali e non lamentarsi della pirateria, se il servizio legale non c’è o è più complicato del dovuto (DRM).

    Tieni conto poi che se Netflix arrivasse domani mattina, probabilmente in Italia avrebbe catalogo risibile. Mediaset e Sky fanno contratti in cui pigliano tutto, su tutte le piattaforme (Sky anche in UK e Netflix soffre infatti) e non mollano l’osso.

  2. Rispondo anche qui per rendere tutti partecipi: Sulla questione diritti è vero, anche in UK netflix aveva gli stessi problemi, con una library ridicola rispetto a USA. Io però sogno un unico accordo per tutti. L’utente va dove lo porta il cuore (visto che è san valentino da contratto tocca mettere le tagword)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *