Come fare un video virale? – Aggiungere una dose di Benton/Fenton [Updated]

[updated: guarda in fondo il mashup con la corazzata Potemkin]

Premessa

Il video virale è diventato il nuovo Graal del marketing. Tutti vogliono farne uno ma nessuno sa quale diavolo sia il segreto per produrlo. Devo comprare le views? Non basta. Devo metterci una star del cinema? Potrebbe non bastare. Devo metterci uno scoiattolo che si gira di colpo? Siamo sulla strada giusta. Devo mettere l’audio di un padrone che cerca il suo cane sotto le immagini di un film? Esatt…aspetta un attimo che cavolo stai dicendo Willis!

fine premessa

Vagando per lo splendido programma showyou (che consiglio a tutti quelli che hanno un tablet) mi sono imbattuto in un video che non potevo non guardare. “Jesus Christ in Korea”. Con un titolo così mi hai praticamente convinto a scatola chiusa. Apro. Parte. E’ un qualche film ad alto budget Koreano. Mostro in computer grafica. Fatto anche abbastanza bene. Ma non capisco dov’è che compare Gesù. Sarà un errore. Ci sono altri video correlati. Ancora Jesus Christ, con Lassie in primo piano e con il sottotitolo. Benton/Fenton. Ma che diavolo…? Arriva Lassie. E’ la sigla. Tutto normale, a parte una voce di sottofondo che urla qualcosa…Senton..enton…BENTON! Ma certo! Benton/Fenton! Bravo Giacomo, passato il test uditivo, ma qui ancora non abbiamo capito che diavolo è questo Benton/Fenton. Perchè lo trovo in un film Koreano e nella sigla di Lassie? E’ il momento di scoprire la verità. L’oracolo google mi risponde quasi immediatamente. Digito “Jesus Christ Benton Fenton”. Ripenso a quanto Google sta uccidendo la memoria a breve termine e nel frattempo aumentando il livello di dislessia tra le persone. Tra un po’ comunicheremo per tag. “Mangiare cena madre incastrato chiamo dopo”. Scorro i risultati. Naturalmente ricompare Lassie e il film Koreano. Ma poco più in basso trovo una notizia. Da una fonte altamente attendibile. Metro on line. Clicco e sono finalmente davanti alla verità.

“Ci troviamo a Richmond park. E’ una giornata tranquilla. Un branco di cervi riposa tra l’erba un po ingiallita dall’autunno incombente. Si sente il rumore del vento. Qualche uccellino che canta. Il camera man sta inquadrando la scena bucolica. Ma a un certo punto succede qualcosa. Alcuni cervi percepiscono una presenza. Alcuni si allontanano in fretta, altri si guardano intorno incuriositi. Il camera man sente anche lui che c’è qualcosa che non va, con il giusto ritardo rispetto all’istinto animale. Gira la macchina da presa verso destra. Zoom a stringere. “Benton! Benton!” Si sente un urlo. La macchina da presa vira verso destra. Un gruppo di cervi fugge via spaventato. La voce si sente sempre più forte. “Benton! Oh Jesus Christ!” Si intravede un cane dietro la mandria. Finalmente appare in campo un uomo con il cappello che corre e maledice il suo amico a quattro zampe”.

Ora. Direte voi. Giacomo si è rincoglionito. Ci parla di virale e poi ci fa vedere un video di un cane che rincorre dei cervi? Esatto. Cervi. Cane che corre. Padrone che bestemmia. Gli elementi del virale sono tutti li. Davanti ai nostri occhi. Manca solo un piccolo ingrediente. Qualcosa che gli faccia fare quel salto ulteriore e renderlo un successo virale. Su, ce la potete fare…M…A…S…H…no…no…niente Altman voi che sorridete, non stiamo parlando di lui…MASH…U…MASH UP! Esatto. Mash Up. E il gioco è fatto. Ecco a voi una serie di riletture di quella folle rincorsa in una tranquilla mattina d’autunno. Jurassic Park, il primo qua sotto è il mio preferito, ma come ci ha insegnato Dramatic Look, non c’è limite alla manipolazione.

JURASSIC PARK BENTON FENTON

La versione con l’inseguimento iniziale di The Thing merita altrettanto.

THE THING BENTON FENTON

Qualche tempo fa, mi chiesero di fare un video virale. Questa la mia reazione.

Benton ha conquistato il mio cuore. Quella qui sotto è la mia versione di Benton. Si, ho fatto il DAMS.

BENTON vs Battleship Potemkin! Jesus Christ

Benton è finito anche nell’ultimo commercial di T-Mobile. 0:41

 

Giacomo Cannelli

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *